Wonder Woman: 75 anni di storia tra costumi, poteri e curiosità

Il 2017 sarà un anno molto importante per Wonder Woman, che festeggerà il 75° anniversario della sua creazione. L’icona eroina della DC Comics è stata creata da William Moulton Marston nel 1941 ed è apparsa per la prima volta in All Star Comics #8. Le intenzioni del disegnatore erano quelle di creare un personaggio che potesse essere un simbolo di emancipazione per le donne di tutto il mondo.

L’eroina nasce quando Ippolita, Regina delle Amazzoni dell’Isola Paradiso (Themyscira), prega Afrodite per avere una figlia e la dea esaudisce il desiderio dando vita ad una statuina. Nella recente saga dei New 52 Brian Azzarello ha però rivisitato le origini della Principessa, la quale adesso è figlia di Zeus. Diana cresce quindi insieme alle più letali guerriere del mondo, imparando a padroneggiare molti stili di combattimento ed ad utilizzare al meglio le armi bianche.

Wonder Woman è dotata di grandi poteri e abilità che le sono stati concessi dagli Dei dell’Olimpo che la proteggono. Tra questi ci sono:

  • volo, concesso da Hermes;
  • super forza, concessa da Demetra, che la pone al livello di poter battere anche Superman;
  • super velocità, concessa da Hermes, che le permette di correre anche alla velocità della luce;
  • super sensi, concessi da Artemide;
  • super riflessi, concessi da Hermes;
  • fattore di guarigione migliorato, concesso da Demetra, che le permette di rigenerare molto velocemente le sue ferite, rendendola anche immune da veleni e pozioni;
  • super stamina, che le permette di combattere senza stancarsi;
  • longevità, che le permette di non invecchiare e di non morire se non venendo uccisa;
  • resistenza alla magia, concessa da Demetra, che le permette di resistere agli attacchi magici;
  • comunicazione con gli animali, concessa da Artemide, che le permette di empatizzare con animali di tutti i tipi e di poterli anche comandare;
  • saggezza di Athena, che le concede grande intelligenza e svariate altre capacità, come abilità da stratega e diplomatiche, il multilinguismo, capacità di persuasione;

Inoltre nella storyline di New 52 Wonder Woman uccide Ares, divenendo così a tutti gli effetti la Dea della Guerra. Questo nuovo status le concede altri poteri, tra cui quello di comandare tutti gli eserciti del mondo e di generare delle potenti spade dai suoi bracciali.

Per quanto riguardo il suo equipaggiamento questo comprende:

  • Tiara, che può essere utilizzata come una sorta di boomerang, tagliando anche i materiali più duri. Questa riporta una stella rossa al centro, la quale indica il suo titolo di Principessa dell’Isola delle Amazzoni;
  • Spada di Atena, arma magica che riporta delle incisioni in greco antico su entrambi i lati e il simbolo delle Amazzoni di Themyscira;
  • Scudo, oggetto magico che come la Spada di Atena riporta incisioni in greco antico ed il simbolo delle Amazzoni;
  • Lazo d’oro, che costringe chiunque stringa a dire la verità;
    Curiosità: Marston era molto legato al concetto di “verità”, infatti fu l’inventore della prima macchina della verità, modello per il nostro moderno poligrafo. Sembra dunque che il lazo trasponga nel fumetto la sua invenzione.
  • Bracciali della Sottomissione, forgiati secondo le prime storie con l’amazonium e resi indistruttibili da Afrodite. Nelle storie moderne questi sono stati creati con i resti dell’Egida, lo scudo di Zeus. Questi sono capaci di respingere colpi d’arma in generale e di assorbire anche grandi urti. Nei primi albi, inoltre, se i polsi di un’amazzone venivano legati questa perdeva la sua forza e se i suoi bracciali venivano distrutti diveniva folle, ma entrambe queste caratteristiche furono rimosse in seguito;
  • Aereo Invisibile, il mezzo con cui l’eroina poteva percorrere grandi distanze, dato che nelle storie originali non era in grado di volare. Diana lo realizza modificando su Themyscira l’aereo della madre Ippolita. Negli anni ’50 divenne un Jet, che poteva essere chiamato tramite la tiara telepatica di Wonder Woman. Nelle storie Post-Crisis Diana poteva volare e non aveva più bisogno del jet. In seguito fu comunque reinserito nelle storie dell’eroina, ma le sue origine erano diverse, infatti questo era un cristallo mutante donatale dai Lansinariani per averli salvati. Il jet comunica telepaticamente con Diana, possiede un arsenale che se esaurito può essere rifornito dal materiale dello scafo che poi si rigenera.

Nei suoi 75 anni di storia il look di Wonder Wonder è cambiato notevolmente, adattandosi ai criteri pudici e di moda delle varie epoche in cui è stata illustrata. Grazie a questa fantastica infografica realizzata da HalloweenCostumes possiamo ripercorrere l’evoluzione dei costumi dell’eroina: